Iscriviti alla nostra newsletter:

Burundi e il parco del Katavi

Tour di 10 giorni

Malgrado la povertà, che tocca la stragrande maggioranza della popolazione, la gente mostra un coraggio, un ottimismo e una generosità che da soli valgono la pena di essere scoperti: il viaggiatore verrà colmato di attenzioni amichevoli e spontanee che contrastano profondamente con l’individualismo occidentale

Burundi e il parco del Katavi

Il Burundi è uno degli stati più piccoli dell’Africa, ma la sua natura generosa e la grande varietà biologica lo posizionano tra i paesi più variegati e variopinti del continente.
I paesaggi si susseguono in sequenze mozzafiato: durante il viaggio si potranno ammirare la grande pianura coltivata da tempi immemorabili dalle mani dell’uomo sul cui sfondo si stagliano le grandi montagne coperte da una foresta primaria di bellezza assoluta; dappertutto scoscese colline coperte di alberi che non si sa per quale misteriosa forza della  natura restano ancora ancorati al terreno nascondono tumultuosi torrenti che sfociano nei placidi laghi popolati da una grande varietà di uccelli di tutte le specie, da coccodrilli e a ippopotami.
Anche il clima fa la sua parte per rendere piacevole il soggiorno del viaggiatore: mai troppo caldo, neppure nell’assolata pianura di Bujumbura, la temperatura si fa più dolce in altura ma senza mai obbligare il turista ad un guardaroba invernale. Le stagioni sono ben differenziate dai cambiamenti climatici ma è la pioggia a farla da padrone: forte e abbondanti precipitazioni spesso di breve durata durante la stagione delle piogge, da settembre ad aprile, ciano il posto ad uno splendido sole africano durante i mesi estivi.
Ma la migliore ragione di visitare il Burundi, a parte l’originalità di una destinazione così poco conosciuta, è la prospettiva di un incontro con la popolazione locale la cui ospitalità e generosità hanno di che sorprendere.
È questa la più grande ricchezza del paese: accoglienti e socievoli, i burundesi sono oltremodo disponibili nei confronti dei visitatori. Sui visi stupiti o intrigati dalla presenza di uno straniero si disegnano grandi sorrisi che sono allo stesso tempo un invito a familiarizzare: chi parla francese entrerà dolcemente in contatto con il turista, chi non parla che il kirundi si farà comprendere nella lingua dell’ospitalità. Accade così spesso che la semplice presenza di uno straniero in un bar intento a bere o mangiare una “brochette” diventi l’occasione per lunghe e spontanee discussioni di decine di bambini che si precipitano per vedere più da vicino il “muzungo”, l’uomo bianco.

PROGRAMMA DI VIAGGIO

1° Giorno: Arrivo a Bujumbura
Arrivo con volo intercontinentale a Bujumbura, la capitale. Incontro con i rappresentanti dell’associazione e la guida e trasferimento all’hotel. Cena e presentazione del programma di viaggio.

2° giorno: Buja - Busekera (villaggio pigmeo) – Teza – Laghi del Nord - Kirundo
Al mattino, partenza alla volta del nord del Burundi. Lungo il percorso, visita al villaggio dei Pigmei di Busekera, dove è possibile incontrare questa popolazione che vive secondo usi e costumi tradizionali e ammirare i loro prodotti artigianali. Proseguimento, quindi, per Teza dove vi è una piantagione di tè. Creata nel 1960 e situata ai margini della foresta della Kibira, la piantagione forma un tappeto verde striato che si estende fino alle pendici dei monti circostanti dando vita ad uno dei più bei paesaggi del Burundi.
Pomeriggio di trekking con visita dei laghi del nord, una delle regioni più affascinanti del Paese. Il “Lac aux Oiseaux”, meta preferita di una grande varietà di specie migratorie e sedentarie e il lago Cohoha, il più grande della regione con i suoi 60 km², che segna, con le sue numerose ramificazioni il confine con il Rwanda. Sosta a Kirundo per la notte.

3° giorno: Gitega– Gishora (Tambourinaires) - Rutana
Partenza per Gitega e visita a piedi della seconda città del Burundi. Poi visita al Museo Nazionale che conserva il patrimonio culturale del Burundi, esponendo oggetti appartenuti ai vari monarchi e alla religione tradizionale.
In seguito visita alla scuola d’arte di Gitega (secondo il periodo) e intrattenimento con gli allievi della scuola; qui si insegnano la scultura del legno, la pittura e l’arte della ceramica, oltre alle materie tradizionali.
Nel pomeriggio deviazione per il villaggio di Gishora dove è previsto l’incontro con i “tambourinares royales”, momento clou del viaggio. Al tempo stesso costruttori e suonatori dei tamburi sacri, i “tambourinares” sono gli ultimi custodi di un rito che veniva celebrato in onore del re. Il ritmo dei tamburi, le danze e le acrobazie coinvolgono lo spettatore lasciando un ricordo indelebile. Alla fine dello spettacolo, partenza verso sud in direzione di Rutana.

4° giorno: Failles des Allemands - Chutes de la Karera - Nyanza Lac
Visita alle “Failles des Allemands”, una sorta di fenditura nella montagna, utilizzata dai tedeschi agli inizi del XX° secolo; si trova  a 1950 metri di altezza e domina la depressione del Kumoso. Proseguimento per le “Chutes de la Karera”, spettacolare serie di tre cascate, alimentate dal fiume Karera nascoste da una galleria naturale di alberi e fitta vegetazione. Poi una rapida deviazione verso la Sorgente del Nilo poi si prende la direzione della frontiera con la Tanzania. Passaggio della frontiera nel tardo pomeriggio e arrivo a Kasulu (Tanzania) prima di sera. Cena e pernottamento a Kasulu.

5° giorno: Tanzania – Mpanda Parco del Katavi
Giornata di viaggio attraverso le distese sconfinate della Tanzania; si percorrono circa 300Km di pista in terra rossa dove gli incontri con altri esseri umani si fanno sempre più rari e l’unico villaggio abitato è quello di Uvinza. Arrivo nel pomeriggio al Parco del Katavi.

6° giorno: Parco del Katavi
Con i suoi 4.470 Kmq, il Katavi è il terzo parco nazionale della Tanzania, e rimane una delle riserve meno frequentate e più selvagge del continente. Pur essendo presenti tutte le più famose specie animali africane, per molti visitatori il vero fascino del Parco risiede nella lontananza da tutto e da tutti e gli incontri con altri turisti si fanno rari. Gli scenari naturalistici sono staordinari con immensi terreni paludosi alternati a zone boscose e ruggenti cascate, durante la stagione delle piogge.

7° giorno: Parco del Katavi
Safari al parco; 2° giorno completo di safari alla scoperta degli animali selvaggi!

8° giorno: Mpanda – Kigoma
Giornata di viaggio di ritorno. Partendo al mattino presto si ripercorre in parte la stessa strada poi si devia per la cittadina di Kigoma.
Kigoma è il punto d’incontro tra la ferrovia proveniente da Dar Es Salaam sull’oceano Indiano e il Lago Tanganyika sulle cui acque avvengono gli scambi commerciali con il Congo, il Burundi, la Zambia e le regioni limitrofe; da vedere è il porto dove è possibile incontrare commercianti e pescatori.

9° giorno: Kigoma – Mabanda (Frontière) – Nyanza Lac – Bujumbura
Al mattino, dopo colazione, ci si mette in marcia verso la frontiera burundese. Sbrigate le formalità doganali si continuerà in direzione di Bujumbura. Lungo il tragitto, se le condizioni lo permettono si puó visitare la riserva forestale di Kigwena, abitata da decine di primati allo stato brado. La riserva alle volte è chiusa. In tarda mattinata faremo sosta a Rumonge, sulle rive del lago Tanganyika, per il pranzo a base di pesce. A qualche Km da Bujumbura si farà visita al monumento di Livingston e Stanley, evocativo dello storico incotro tra i due esploratori nel 1871. Arrivo in serata a Bujumbura.

10° giorno: Partenza da Bujumbura
Giornata a disposizione per poter curiosare nei colorati mercatini dell’artigianato burundese. In tempo utile, trasferimento all’aeroporto per il volo di rientro.

 

DETTAGLI DEL TOUR

DATE
su richiesta

QUOTA
Euro 1.800,00 a persona (base 2 persone)
Euro 1.400,00 a persona (base 3 persone)
Euro 1.200,00 a persona (base 4 persone)

LA QUOTA COMPRENDE
- Pernottamenti come da programma in camera doppia
- Pasti come da programma
- Ingresso ai Parchi e ai Musei
- Spettacoli
- Accompagnatore parlante inglese o francese
- Jeep 4x4 con carburante e autista (oltre i 6 passeggeri si utilizzeranno 2 jeep)

LA QUOTA NON COMPRENDE
- Volo intercontinentale
- Visto turistico

NOTE
- Vaccinazione contro la febbre gialla obbligatoria

Image #1
Image #2
Image #3
Image #4
Image #5
Image #6
Image #7
Image #8
Image #9
Image #10
Image #11
Image #12
Image #13
Image #14
Image #15
Image #16
Image #17
Image #18
Image #19
Image #20
Image #21
Image #22
Image #23
Image #24
Image #25
Image #26
Image #27
Image #28
Image #29
Image #30
Image #31
Image #32
Image #33
Image #34
Image #35
Image #36
Image #37
Image #38
Image #39
Image #40
Image #41
Image #42
Image #43
Image #44
Image #45
Image #46
Image #47

Richiesta Informazioni Safari

Compilate il form sottostante per richiedere maggiori informazioni sul safari. In alternativa potete contattarci allo 0171.388114 (mar-ven: 9.00-12.00; 15.00-19.00).

Nome*
Cognome*
Email*
Cittą*
Richiesta
* I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.

Versione per stampa